Disneyland Paris – Il mio viaggio – Parte II

Pubblicato gennaio 12, 2012 da Princess Raiponce

Ecco il II post tanto atteso sul mio viaggio! Per chi si fosse perso la prima parte, può vederla a questo link:

Questo slideshow richiede JavaScript.

https://dreamofdisney.wordpress.com/2012/01/10/disneyland-paris-il-mio-viaggio-parte-i/

Detto questo, dove eravamo rimasti? Ah, sì!

La prima mezza giornata passa fra incazzature “aereoportuali” e stanchezza varia nonostante le bellezze del castello e della main street addobbata per le feste.

La notte non la passiamo neanche tanto bene per via degli orribili cuscini “proteggispifferi” alla francese ( come faranno a dormire su questi cosi poi???) ma la sveglia suona alle 8:15 e tocca alzarci.

Al suddetto orario, troviamo una “luce” che se non avessimo avuto la conferma da parte di 3 orologi, la tv e la mia console portatile, avremmo giurato fossero le 3 del mattino: insomma BUIO TOTALE. Dopo esserci lavati e vestiti, scendiamo a colazione nella sala ristorante.

Non ho mai visto così tanto cibo contemporaneamente in vita mia! C’era di tutto: dalla pancetta arrostita alle uova strapazzate, formaggi buonissimi e ogni tipo di insaccato, pane caldo e veramente buono, briosce a forma di omino ( che se avessi avuto una granita dove inzupparli…), pancakes\crepes a volontà, ciotolone di nutella a non finire, frutta, macedonia, pesche sciroppate, patate fritte (ò.ò) con relativo ketchup, thè di ogni tipo, caffèlatte, latte, cereali per tutti i gusti, yogurt, succo di mela, etc. etc.

Insomma, avevamo veramente l’imbarazzo della scelta sebbene Artemis non ebbe nessun “imbarazzo” a riempire i piatti con qualsiasi porcheria trovasse…

Fatta colazione, prendiamo una navetta nera superlusso con autista simil Will Smith annesso per portarci al Val D’Europe*

(*nota:per chi da disneyland paris voglia visitare il Val D’europe ci sono 2 opzioni: utilizzare la metro e chiedere della fermata Val D’Europe. Oppure dalla reception del proprio albergo disney o affiliato disney, chiedere la navetta per Val D’europe. Costa 5 euro a persona andata e ritorno compreso. Vi accompagna andata e ritorno a vostro piacimento.)

Arrivati a Val D’europe, ci troviamo di fronte un carinissimo villaggio Outlet ( dove però è vietato far foto ma io da bimba monella qual sono, 2\3 fotine le ho fatte😀) pieno zeppo di negozi della serie “Non conosciamo CRISI“. Sto parlando di vari D&G, Cavalli, Valentino, Armani, etc.

Un pò troppo per le nostre tasche e sinceramente anche per i miei gusti.

Superato l’outlet, si giunge al centro commerciale Val D’Europe.

Il centro è veramente grandissimo, luminoso, ricco. Si divide in due piani: il primo piano ed uno sotterraneo più “la terrazza” dove vi sono situati ristoranti e fast food.

Fatti un giro per lo shopping center, comprato qualche stupidaggine come souvenir per amici e parenti ( portaocchiali a forma di baffo(!), portauovo da microonde, custodiaperocchialicondisegnodicanecarlino,etc.), ci dirigiamo verso il vero motivo della nostra visita: l’AUCHAN.

Perchè giusto giusto l‘Auchan?

Perchè è l’unico modo che vi farà risparmiare tanti euri per comprare viveri e soprattutto BEVANDE.  In Francia, acqua e bibite varie costano un occhio della testa nei vari locali, bar, etc.

Il mio consiglio personale è dirigetevi verso il supermercato più vicino e fate scorta!

Dopo aver trovato la preziosa acqua, abbiam colto l’occasione per trovare qualche prodotto strano che magari non si trova in vendita in Italia. E così fu: abbiamo acquistato la DR PEPPER ( che alla fine sa di ciliegia disgustosa), la coca alla amarena, il latte di bounty( buono ma un pò pesante), la 7up light, salsa barbecue allaallah piccante ( per il mio paparino) e il mioooo tessooooorrroooo… I MACARON!

Il Macaron è uno dei miei dolci preferiti. Per chi non li conoscesse, si tratta di biscottini di diversi gusti con annesso ripieno cremoso nel mezzo fra due strati di biscotto.

Insomma io ci vado matta, in Italia è quasi impossibile trovarli in vendita ( solo nei McCafé) e ogni qualvolta mi reco in Francia non posso resistere dal non comprarne una quantità industriale che puntualmente finisco in un paio di giorni…ehm, di ore in realtà.

Dopo la spesa, ci siam diretti verso il ristorante giapponese ( eh sì, quando la voglia di sushi ti prende…in Francia il sushi costa molto di meno che in Italia).

Artemis è andato a posare il carrello e io mi son fermata ad ordinare il menù. Il cameriere mi chiede dunque se desideravo qualcosa da bere, al che vedendo i prezzi esorbitanti per una bottiglietta (4.50 la evian) e pensando alla fonte diretta che avevo nella busta della spesa sotto i miei piedi, rispondo di non voler ordinare nessuna bevanda.

Non l’avessi mai fatto. Il cameriere incomincia a ridermi in faccia e pergiunta se ne và via ridendo lasciandomi lì come una imbecille che non ha capito un fico secco.

Dopo un pò, il ridente cameriere torna con una brocca piena di disgustosa acqua “au rubinetto”.

Questa cosa diventerà un pò il tormentone del nostro viaggio perchè, ogniqualvolta Artemis sentiva ridere qualche straniero dalla lingua incomprensibile, prontamente mi diceva ” Hai visto? La voce che non hai voluto l’acqua al ristorante si  è sparsa!“.

Dopo aver mangiato una buona e sana barca di Sushi più antipastini e secondi vari alla modica cifra di 25 euro circa per due persone, ce ne tornammo in albergo per riposarci un pò e sistemare la questione abbonamenti disneyland all’interno del parco stesso.

Fatto il Pass Dream ( sappiate, è proprio una bella soddisfazione avere il pass annuale), abbiam girovagato un pò per il parco e per i vari negozietti. Ovviamente non ci siamo fatti scappare la “It’s a Small World” poichè non solo è una delle mie attrazioni preferite ma ,nel periodo Natalizio, viene modificata in tema Christmas time: ovvero canzoni di Natale a go-go e lucine\alberelli\festoni vari che decorano i deliziosi pupini di tutte le etnie.

Il Pass Dream si rivela ancor meglio di quanto pensassimo e ad ogni acquisto viene defalcato un bel 20% di sconto il che vuol dire che ogni volta ci ritrovavamo con 5\6\10\15 euro di sconto a seconda degli articoli presi. Inutile dire che ci siam davvero dati alla pazza gioia!

Artemis ha addirittura iniziato la collezione delle PINS. Le Pins sono delle spillette da collezione che potrete acquistare all’interno dei Parchi Disneyland e nei Disney Store( non in Italia però😦 ). Ce ne sono tantissime e come in tutte le collezioni, diversi pezzi assumono valore, vanno fuori produzione, diventano rarissimi( e costosissimi).

Ogni Pin costa mediamente 6 euro ( mica bruscolini) ma sono veramente bellissime ( io le attacco sui vestiti!) e irresistibili. In più, quelle che ti piacciono di meno puoi sempre scambiarle coi cast members ,pronti a mostrarti la loro collezione, o con altri collezionisti.

Dopo la visita al Parco, ci siamo recati verso il Disney Village per mangiare qualcosina. Considerando che avevamo mangiato tanto a pranzo, optammo per prendere direttamente un dolce per cena. E così andammo dal mitico STARBUCKS ( perchè?perchè non lo aprono in Italia???) e ordinammo il solito: 2 frappuccini ( per me il java chip) , cheesecake e una fetta di torta agli oreo ( non potete capire che bontà!!!). Oddio, non fu proprio una cenetta leggera ma ci siamo lasciati prendere dalla gola ( e soprattutto dall’astinenza che provoca Starbucks).

Finita la cena frugale, siam tornati in albergo e Artemis andò a nanna felice col suo Mickey apprendista stregone in formato peluche.

A presto con la III parte!

3 commenti su “Disneyland Paris – Il mio viaggio – Parte II

  • Ma allora mi devo firmare Artemis?😛

    cmq sia la colazione mi manca e non vedo l’ora di ritornare in uno di quelli alberghi *_*

    bè poi che dire, non ho mai mangiato così tanto in uno dei miei viaggi, ancora sei solo all’inizio del viaggio e nessuno crederà mai a quanto abbiamo mangiato!

    CONDIVIDO STARBUCKS DEVE APRIRE IN ITALIA (anche se forse è un pò costoso, ma è troppo buono)

    A breve verrà aperta la sezione relativa alle PINS😉

  • Che posto stupendo e le foto sono bellissime!** E’ davvero da sogno!*_* Mi piacerebbe un sacco andarci almeno una volta nella vita!**
    Le pin sono le spillette?:o Ricordo che una mia ex-amica me ne portò una con Ariel ed Eric che era stupenda!:3 Ma sono comunque care!O_O 6€!!

  • Lascia un commento

    Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

    Logo WordPress.com

    Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

    Foto Twitter

    Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

    Foto di Facebook

    Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

    Google+ photo

    Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

    Connessione a %s...

    %d blogger cliccano Mi Piace per questo: